Il pescatore

Penso a mio padre

accovacciato dentro il tramonto,

sulle rive,

intento a pescar pesci.

Le possibilita' uccidono gli anni:

lo ricordo lucido valutare il rigiro,

il gorgo,

l'onda.

Nel calare nitido di quel sole estivo

sull'umida sponda,

scegliere.

E' gesto sublime e canto di liberta',

e' vita,

per dio.

Su queste rovine sottomesse ora alle piene,

in cui cullo il ricordo mio,

resto esanime a cercar sera.

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.