TWILIGHT (Rai Radio Due)

twilight

IL DISCO DEL GIORNO (ed un grazie a John Vignola)
"Le città invisibili", Germano Bonaveri, da "Città Invisibili" del 2010, Rusty Records
La scuola dei grandi cantautori italiani, quella di Fabrizio De Andrè, De Gregori, Guccini,
Paolo Conte, Lucio Dalla, si dimostra ancora viva, grazie anche alla buona musica d'autore del bolognese Germano Bonaveri. Cresciuto ascoltando i maestri internazionali, ma soprattutto quelli di casa nostra, Bonaveri si appassiona fin da giovanissimo alla musica, per lui espressione poetica di quei sentimenti e di quelle emozioni che la vita riserva a ognuno di noi. "Città Invisibili" è il suo terzo album (secondo da solista) ed è ispirato al famoso racconto di Italo Calvino.

Un lavoro denso e poetico, che vanta la collaborazione di Maurizio Biancani, e di artisti del calibro di Mario Arcari, Lucio Dalla e Marco Alemanno. Tredici brani in tutto, dove si fondono e confondono, con consapevole originalità, canzone popolare, jazz, tango, passando attraverso arrembanti ritmi folk, eleganti ballate, fino a raggiungere le atmosfere raffinate ed enigmatiche degli chansonnier francesi di qualche decennio fa. Bonaveri ci regala una riflessione sulla società attuale e sui tanti invisibili che la abitano, per i quali, però, c'è ancora spazio per un pensiero d'amore.
Sabato 26 marzo, al DNARTE di Assago (Milano), non perdete l'appuntamento con il "Città Invisibili tour", un concerto acustico di strumenti a corda, dove la voce calda e possente di Bonaveri verrà accompagnata dalla chitarra di Antonello D'Urso e dal basso di Luca De Riso. Uno spettacolo capace di creare un'atmosfera diretta, intimistica, una dimensione più tradizionale e vicina alle radici del cantautore più vero: ruvido, ma poetico al tempo stesso. Insomma, ascoltare e vedere per credere!

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.