Controvento

(Testo G.Bonaveri, Musica M. D’Adda)

Vado, non insistete:
non è il mio tempo
e non ho più l'età.
Grazie, va tutto bene
ma adesso é tardi,
ci sentiamo poi.
Scappo, scendo le scale
cercando quiete nell’oscurità
di questa notte di frasi usate,
un monumento all'imbecillità.

Se hai qualcosa ancora
che vorresti regalare
a chi ti incontrerà,
vesti l'abito migliore
e lascia che succeda
il giorno che accadrà.

Lascio che il tuo ricordo
trovi un tramonto,
e il male svanirà.

Brandelli di complicità:
lo sguardo di un passante
chiede l'ora e se ne va.

Ora di scappare via con me.
Ore di parole spese al vento,
voglia di scappare via da me.
Ore di parole spese disattento.

Foglie di un altro autunno
sono i rimorsi che non cullerò.
Lascio ogni rimpianto
all'irrisolto del mio vivere
perché poi passa,
il dolore passa
lasciando quiete
fuori e dentro me.

Se hai qualcosa ancora
che vorresti regalare
a chi ti incontrerà,
vesti un abito qualunque
e lascia che succeda
il giorno che accadrà.

Se hai qualcosa ancora
Che vorresti raccontare
a chi ti ascolterà,
vesti un abito qualunque:
ti saprò aspettare e riconoscere

Ora di scappare via con me.
Ore di parole spese al vento.
Voglia di scappare via con te.
Voglia di giornate spese
controvento...

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.